Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Cosa significa zéppola?

| di Lea Di Scipio
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Il Dizionario etimologico della Lingua italiana (DELI, 1988) e quello dei Dialetti italiani (1998) contengono le possibili ipotesi etimologiche del termine zéppola.

Di norma, in questo caso dal germanico, viene fatto ricondurre alla sua forma di zéppa cioè “pezzetto di legno per rincalzare mobili che non posano bene in piano o per chiudere qualche fessura. Potrebbe esserci anche una radice etimologia abruzzese che lo farebbe derivare da kune o kone cioè “cuneo, stoppaccio, panetto da un soldo”.

In Abruzzo le zéppole (zéppele) sono generiche frittelle, non siringate ma gettate “a grumo” dal cucchiaio nell’olio bollente. Tuttavia, ed è la seconda ipotesi, esiste nel latino tardo la parola zìppulae “sorta di dolce di pasta e miele”, a sua volta di etimologia incerta ma rinvenuto in fonti del VI secolo tale da poter ricondurre il dolce ad un’origine anatolica, giunto col suo nome in Italia solo nei primi secoli dell’era volgare”.

Infine, l’origine più accreditata sarebbe legata al periodo della sua produzione, che la fa derivare dal nome del Santo o, più specificatamente, dal suo diminutivo Zeppe che starebbe per Giuseppe. Infatti a Belluno vengono chiamate giuseppine.

Lea Di Scipio

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK