Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

''LA ŠTORIE''

| di scritta da Fernando D'Annunzio
| Categoria: Storia
STAMPA
Carnevale 2008: il circolo Socio-Culturale ''S. Antonio Abate'' e la Parrocchia di ''Santa Maria del Sabato Santo'', con il patrocinio del Comune di Vasto, presentano: ''La Štorie'' (scritta da Fernando D'Annunzio) 1 A'huanne Carnivàle arrive prešte e nnu' apprufuttàme pe' fa' fešte, jame candanne quelle ch'è ssuccesse e chi li vo' sindì' o cco vve' 'ppresse. Quelle che v'ariccundàme certe ni' 'i l'ammindàme, cacche vvodde jé cundìte nghi nu ccone pepi trite. 2 Da poche l'anne nove à cumunzàte e ognune la spiranze à rinnuvàte; ognune a Ddije à fatte la prihìre circanne pace pi' lu monne 'ndìre. Ma se amore e cumbrinzione ni' šta dentre a ogne pirzòne, pace, bbene e armunìje, n' pò rignà manghe 'n famìje. 3 E' sempre cchiù ddištrutte li famìje, pi' li salvà lu Pape preghe Ddìje. Lu štate invece si ni šta fricanne, nghi ttasse e legge li šta zuffunnanne. E nisciune cchiù si spose, cchiù nisciune fa li fije, e ci šta sempre cchiù ggiùne che si perde pe' la vìje. 4 Grazie all'Italie, li Nazzione Unìte 'na cose bbone e jušte à štabbilìte: ca la pene di morte da chišt'anne n' z'avess' applicà cchiù come cundanne. Ci šta 'ngore li nazziune che n'accette cundiziune. Ma ogne vite, da ch'è nnate à da resse arispittàte. 5 Tutti li dice e ttutti te' 'rraggiòne, ch' à scumbarìte la mezza štaggiòne, autunne e primavere s'è squajjàte mo c'è rimašte sole 'mmern' e 'štate. Nghi lu cualle di 'št'eštàte mezze monne s'é 'ngindiàte, e lu fredde di 'št'immerne ti fa arricinì li chèrne. 6 Chištu guverne n'à fruttificàte, lu panettone intande l'à magnàte. Hanne prumesse a Prodi lu sgambette, Maštell' à ditte: ''i' mo ti li mette!'' Cacche vvodde à 'ngipullàte, cacche vvodde à 'ndruppucàte. Mangh' à fatte li ddu' anne, è 'rruuàte la cascanne! 7 Tutti li jurne arripe lu ggiurnàle, si parle di riforma elettoràle. Ognune jì vo' fa l'adattamende e si li vo' 'ggiuštà a ppiacimende. Chi li vo' a la frangese, chi li vo' a la ggirmanese; ci šta pure nu signore che vo' fa l'imperatore. 8 La situazione certe nin è bbone pi' quelle ch'arihuarde l'inflazione; pi' ttutte quelle ch'è cchiù ningissarie lu prezze aumende e si ni va pidàrie. Pi' nu piene di bbinzìne 'i ni jame a la rruvìne, e quanda lu pane manghe à da jì' prim' a la bbanghe. 9 Succede a Nàpele, ma certamende è ccose ch'arihuarde tuttiquende; è lu prubbleme di la spazzatùre, pi' l'arisolve nin zi trove cure. Tuttiquende li facéme ma nisciùne li vuléme. Nin è ccose ca si magne ma ci šta chi ci huadagne. 10 Quand' appicciàme la televisione n' zi trove cchiù na bbella trasmissione, reklamm', tolk show e reality', mo veramende nin zi ni pò chiù! Li canale è quasi mille, ma li facce è sempre chille. L'argumìnde che ssi tratte fa calà soli lu latte. 11 Mo pi' mmannà l'augurie e li salùte, n' zi scrive cchiù, l'usanze s'è pirdùte; mo cartuline, lettere e espresse, n' z' aùse cchiù, ci šta l'ess' emme esse. Mo la ggende a ccoccia ciucche maštrijàje: tticch' e tticche... mendr štanne missaggianne, pi' la vì' va' 'ndruppucanne. 12 Seme parlàte di la situazione huardanne pi' lu monne e la nazzione, ma mo a la case j'aribbicinàme e di Lu Uašte noštre vi parlàme. N' zi pò dice' ttutticòse... tanda spine e puchi rose, ma la crìtiche ch'arrive nin vo' rèsse dištruttìve. 13 Nu' ni' vvuléme fa' li prufussùre, ma pirmittéte nu suggerimende, ch'arivulgéme all'amminištratùre pi' ffa' li cosa jušte solamende: ''Si vvu' fa' li cosa bbune nin huardà 'mbacce a nisciùne, 'ca pi' une ch'è scundende pu' fa bbene a n'addr'e ccende''. 14 Cchiù grosse 'šta città s'è ddivindàte, però è sempre cchiù disurdinàte; nin zi pò šta tranguille né sicùre, picchè la malavìte fa paùre. Traffich' e cimend' armàte j'arruvìne la jurnàte. Vandalisme e ddilinguenze j'arruvìne l'esištenze. 15 E l'amminištrazione che ttinéme è gne la ciurme di 'na varch' a rreme; s'hanne piazzàte tuttiquende a bborde ma tra di ìsse nin vanne d'accorde. Chi vvo' jì' verse la Penne, chi cuntrarie reme forte e la varche torte torte si ni va di quà e di llà. 16 Di quelle che s'avessa fa' a Lu Uašte, si parle, si discute e ddopp' avàšte. La pište, la riserve e lu spudàle, šta scritte solamende a lu ggiurnàle. Nghi li tasse che si sigge n' zi fa' štrade né pparchigge. Nghi lu tràffiche ch' aumende n' zi capisce cchiù nijende. 17 Tanda città e paìse hanne študiàte, 'ncrùce e semàfir' hann' eliminàte; la rutatorie, a ndonna si pò faje, s'è vvište ch'arisolve tanda huàje. Pur' aècche j'ama move pi' ffa na città cchiù nnove, prime che a ndo' šta nu spiazze nin gi nasce nu palazze. 18 Che ggioia grosse e che gross' onòre! Santoro, Don Pierine, è Mmunzignore! La prima vodde che nu Uaštaròle si mette 'n gape lu zzuccuette viole. Bbrave, sande e ppriparàte, chi l'à perse si li piagne. Uaštarùle e Salvanìse nghi l'augurie l'accumbagne. 19 Che bbelle e che 'mburtante avvinimende, tra Vašte e Perth, nghi lu ggemellagge, la Confratèrnite pi' ll' emigrande la Sanda Spine à purtàte 'n viagge. Che rricurde e che accuglienze, quanda fede e quanda ggende! Ch'à vissùte l'esperienze n' zi li scorde facilmende. 20 A lu nuvandacìnghe, allore è štate, 'šta tradizione sem' aricchiappàte. A lu ddumil' e otte seme 'ndràte e n' addra Štorie vi seme candàte. Vulindìre e nghi piacére šteme 'nzimbr' a vvu' massére; v'auguriàme 'n gumbagnìje pace, bbene e allegrìje. Questa è ''La Štorie'' che ad ogni Carnevale torna rinnovata con le vicende che hanno caratterizzato l'anno trascorso e viene cantata in pubblico, nella piazza principale di Vasto ed in altri luoghi, durante i festeggiamenti del ''Carnevale Vastese'', nel pomeriggio della domenica che precede il martedì grasso. Nello stesso giorno,''La Štorie'' va in onda su Trsp, in diretta, alle ore 18,30 (con successive repliche). Il poeta vastese Fernando D'Annunzio, da quattordici anni, ha ripreso, questa bella e antichissima tradizione carnevalesca e ha raccolto le prime dieci edizioni (dal 1995 al 2004) in un volumetto dal titolo: ''Ogne anne 'na Štorie'', disponibile presso il Circolo Socio-Culturale ''S. Antonio Abate'' (Si ringraziano tutti i collaboratori). ...B U O N C A R N E V A L E A T U T T I...

scritta da Fernando D'Annunzio

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK